Passa ai contenuti principali

Punture e allagamenti !

E' da circa un'ora che osservo il mio Patatino che si osserva da circa un'ora allo specchio. Si alza la maglietta e comincia il monologo che manco una tragedia shakespereana sarebbe all'altezza di reggere il confronto del dramma in atto ..."perchè mi hai punto...uffa....mi hai punto...( qualche lamentìo in sottofondo)...perchè l'hai fatto....mi gratta ( intendendo mi prude)...(lamentìo)....uffa...cattivo insetto...perchè mi hai punto....dimmelo...perchè?..."
E più lo osservo e più mi chiedo da chi abbia preso questa vena drammatica che Mario Merola a confronto sarebbe stato un vero principiante!
Una punturina minuscula di insetto, forse un acaro, lo sta mettendo in crisi esistenziale....a soli 5 anni quasi e già si ritrova in solitudine davanti alla sua immagine riflessa allo specchio a porsi gli interrogativi esistenziali della vita...
Così ripenso a stamattina, a quando la lavastoviglie ha deciso di eruttare il suo scarico nel lavabo creando fontane d'acqua spontanee nella mia cucina e allagando il pavimento tanto che ci mancava poco che usassimo lo sgabello in legno come zattera per spostarci da una parte e l'altra della cucina usando le cucchiarelle di legno come remi e gli strofinacci come vele ...e ripenso a quando al telefono ho sollecitato mio marito a tornare a casa ( era andato a farsi fare un'impegnativa dal pediatra per il più piccolo per la visita di domani dalla neuropsichiatra) e lui tutto trafelato torna a casa dicendo subito "Chiamiamo l'idraulico....chissà perchè è successo....perchè vedi....bla bla bla"inoltrandosi con i pensieri nei massimi sistemi dell'universo regolatori dell'acqua potabile che attraverso tubature sotterranee arriva in città ....bla...bla...bla...senza cimentarsi minimamente nel cercare di risolvere da solo il problema e nel frattempo vedermi trattenere da un attacco isterico nel vederlo lanciare le scarpe sporche e bagnate contro la parete bianca imbrattandola di nero e seminando il panico tra i bambini che intanto avevo portato al riparo sul letto a castello...ed ho pensato che l'ansiosa, la fobica, la paurosa un tempo ero io in casa...ed ora mi ritrovo a dover tranquillizzare da un lato mio marito riuscendo a stappare l'ingorgo del lavandino con una ventosa e i muscoli fatti negli anni ed intanto preparargli il pranzo perchè arrivi in tempo in ufficio, e dall'altro lato a rassicurare il Patatino che la puntura di insetto non è una malattia mortale e che presto passerà e che non importa alle volte chiedersi il perchè accadono le cose...purchè ci sia sempre una soluzione!

Commenti

  1. So' maschi... si lamentano, imprecano, ma prendere in mano la situazione mai!!!
    Sei in netta minoranza: mi sa che te ne devi fare una ragione ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che è una partita persa in partenza?!😔

      Elimina
  2. C'è sempre una spiegazione quando ci domandiamo da chi hanno preso....sempre

    RispondiElimina

Posta un commento

inciuci & commenti...

Post popolari in questo blog

Ogni scusa è buona!

Ogni scusa è buona per il mio Polpettino piccolo per non andare all'asilo:
Scusa medico/teatrale: tosse finta con conati di vomito...
Scusa pietistica: "i piccoli devono stare a casa con la loro mamma"...
Scusa causa di forza maggiore: "l'asilo è chiuso"...
ed infine motivazione del tipo"mamma hai un anticipo di alzheimer" mista a motivazione fantascientifica: "Mamma, ti sei sbagliata, oggi è di nuovo domenica non è lunedì" !!!



Tu lavori?

Ho deciso...da oggi se mi dovessero chiedere "Ma tu lavori?"...io risponderò :"Non fuori casa"! ( e dentro penserò: chi si fa i c...i suoi campa cent'anni!)

Ansia !

Ieri abbiamo affrontato la seconda seduta di neuropsicomotricità...il Polpettino sembra non avere particolari difetti fisici e la sua inibizione ed il suo rallentamento nel coordinare gli arti inferiori secondo la Doc. tutta frizzi e lazzi è dovuto ad uno stato d'ansia....


Che ansia!!! Quando mi ha comunicato questa cosa ho incominciato a passare in rassegna tutto quello che avrei potuto aver fatto per provocargli ansia...ma la Doc. tutta frizzi e lazzi mi ha detto che il suo stato di paura non dipenderebbe dalle mie di ansie!

Eppure questa cosa ha fatto scattare in me una sorta di senso di allerta, ho ripensato alla predisposizione alla depressione dei parenti di mio marito, nello specifico alle malattie psicologiche dei miei nuoceri, alla mia di ansia che però riesco a gestire bene infatti all'apparenza, nel sociale, tutto risulto fuorchè ansiosa...all'ansia mascherata da sicurezza di mio marito, che spesso mi tocca rassicurare e raccogliere con il cucchiaino quando anch…